imiobabyTV

Gli altri speciali

L'utilità della consulenza genetica
video D.ssa Pierangela Castorina

Video-intervista alla
D.ssa Pierangela Castorina

Medico Genetista, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli, Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
madre...madre natura...madre terra »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Perchè allattare

Il latte materno costituisce l'alimento di scelta per il neonato. Il giudizio a riguardo è ormai unanime ed è stato confermato da numerosi studi eseguiti su popolazioni di neonati simili tra loro e allattati al seno o con latte artificiale.

Questi studi hanno bene evidenziato che il latte materno:

  • costituisce un fattore di difesa contro le infezioni, soprattutto quelle dell'apparato gastrointestinale (diarrea...)

  • è un fattore di protezione nei confronti delle allergie, in particolare quando esiste familiarità nel padre, nella madre e nei collaterali

  • previene l'eccesso ponderale che il latte artificiale può determinare; anche se oggi sembra avere maggiore significato l'obesità dei familiari come componente costituzionale

  • favorisce il rapporto ideale della coppia madre - neonato.

Inoltre la sua composizione fa sì che si parli di "unicità del latte materno", nel senso che il latte di quella specifica mamma rimane esclusivo per il suo neonato e si modifica, con il passare del tempo, per esaudirne le esigenze nelle varie epoche della vita; rappresenta cioè una formula di latte personalizzata per il proprio bimbo. Nelle prime ore contiene molte proteine ed anticorpi ed è particolarmente denso; si chiama colostro. Nei 2 - 3 giorni successivi si schiarisce, diventa un latte di transizione, più ricco di zuccheri e di grassi; quindi si trasforma nel latte maturo definitivo. Il latte materno è sicuramente più digeribile di quello artificiale e con minor frequenza è responsabile delle coliche gassose; non determina stitichezza ostinata né diarrea, anche se spesso le scariche del bambino allattato al seno sono frequenti e semiliquide; è sempre a disposizione, quindi più comodo, ed è completamente gratuito.
Il latte materno costituisce il modello di riferimento per tutti i latti artificiali, i quali, per quanto ricostituiti per essere il più simile possibile, differiscono da esso e soprattutto non sono in grado di fornire anticorpi.
L'Accademia Americana di Pediatria ha recentemente riconfermato che il latte materno non solo favorisce lo sviluppo ed il benessere del neonato, ma rappresenta un vantaggio per la salute materna ed un beneficio significativo economico e sociale. Si è addirittura quantizzato che il risparmio di una famiglia che allatta al seno nel primo anno di vita è di circa 855 dollari americani, rispetto all'allattamento artificiale.