la gravidanza la nascita donna e mamma il bambino da 0 a 12 mesi il bambino da 1 a 3 anni imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
ilmioilmiobaby
 

L'ecografia 3D

Introduzione

La tecnica dell'esame

L'ecografia 4D

 

Bambino che
sbadiglia

 

Bambino che
succhia

A cosa serve l'ecografia 3D e quali sono i limiti

Galleria multimediale

1º trimestre

2º trimestre

3º trimestre

Prima e dopo

Link utili

Società e Aziende

www.socratemedical.it

www.medison.com

www.dnsistemi.it

Siti di ecografia 3D

www.ecografia3d.org

 
La tecnica dell'esame

Modalità “Volume mode”

La 3D offre tre tipi di immagini. La prima (detta volume mode) è una specie di calco e fornisce una vera immagine tridimensionale del viso (vedi figura 3), delle mani o dei piedini, si tratta della lettura della superficie del corpo del bambino a contatto con il liquido amniotico. In ultima analisi fornisce una vera foto e, proprio come accade per la fotografia, è necessario che la posizione del soggetto sia favorevole, che non vi siano davanti ostacoli (mani, cordone, placenta) ma una buona falda di liquido amniotico e, soprattutto, che il bambino stia fermo.

In una buona parte dei casi si possono ottenere immagini del viso con le sembianze "reali" del proprio bambino. L'esame può dare un'emozione molto forte che non tutti gradiscono poiché, a volte, può generare "distorsioni" rispetto alle aspettative dei futuri genitori che, in qualche modo, avevano già immaginato il proprio bambino.
Questa modalità, comunque, può essere di notevole aiuto diagnostico per il medico. Permette di escludere alcune anomalie del viso o di altri distretti corporei e contribuisce a migliorare l'impiego dell'ecografia per lo screening delle malattie cromosomiche e genetiche.

 

Modalità multiplanare

Modalità multiplanare

La seconda modalità (multiplanare), è molto più utile dal punto di vista clinico; partendo dal volume acquisito con la sonda tridimensionale consente di studiare qualsiasi piano di sezione indipendentemente dalla posizione del feto. È così possibile ottenere più facilmente piani longitudinali e trasversali ma, soprattutto, sezioni coronali che l'ecografia tradizionale spesso non è in grado di conseguire. Una volta ottenuto il volume, con comandi molto semplici, si possono visualizzare i vari piani e studiare nel dettaglio i particolari utili ai fini di una diagnosi. In ultima analisi si tratta di una vera e propria TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) ottenuta con gli ultrasuoni e non con i raggi X.

 

Modalità trasparente

La terza modalità (trasparente), di grande ausilio diagnostico in alcuni casi, offre la visione della struttura e della posizione degli organi interni attraverso la superficie corporea con una modalità simile alle radiografie standard.

 

 

 

 

a cura del Dr. Rocco Gallicchio
Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Esperto in Diagnosi Prenatale - Milano

Richiedi una consulenza

 

 
       
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI