la gravidanza la nascita donna e mamma il bambino da 0 a 12 mesi il bambino da 1 a 3 anni imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
ilmioilmiobaby
 

L'ecografia 3D

Introduzione

La tecnica dell'esame

L'ecografia 4D

 

Bambino che
sbadiglia

 

Bambino che
succhia

A cosa serve l'ecografia 3D e quali sono i limiti

Galleria multimediale

1º trimestre

2º trimestre

3º trimestre

Prima e dopo

Link utili

Società e Aziende

www.socratemedical.it

www.medison.com

www.dnsistemi.it

Siti di ecografia 3D

www.ecografia3d.org

 
A cosa serve l'Eco 3D e quali sono i limiti

Grazie all'ecografia tridimensionale è oggi possibile diagnosticare alcune malformazioni fetali che potrebbero sfuggire con l'ecografia tradizionale: difetti del viso, delle mani, dei piedi, della colonna vertebrale e del cuore.

È assolutamente necessario concludere questa breve presentazione della 3D con alcune precisazioni utili sia ai medici che ai futuri genitori.

L'ecografia tridimensionale non può essere assolutamente eseguita come esame di routine.

È opportuno che lo specialista acquisisca prima con la tecnologia classica tutti gli elementi biometrici e morfologici del feto e fornisca alle coppie la "certezza" che il bambino sia sano. Solo in casi specifici avvierà l'esame tridimensionale come ausilio o completamento di quello bidimensionale, cioè solo quando si rendesse necessario per dirimere dubbi o confermare sospetti diagnostici.

Quando, invece, l'esame viene richiesto delle coppie solo per "vedere" il proprio bambino, è assolutamente necessario che l'ecografista precisi e sottolinei prima in modo chiaro i limiti della metodica, cioè che esiste la possibilitˆ di non ottenere immagini accattivanti e che, a volte, gli artefatti tecnici possono dare false visioni di anomalie inesistenti. L'ecogenicità del soggetto, come per tutte le altre ecografie, influenza notevolmente l'esito "spettacolare" dell'esame che si svolge con le stesse modalità di quello standard.
L'unico fastidio per la donna è rappresentato da una modesta vibrazione della sonda.

In considerazione degli alti costi delle apparecchiature e della lunghezza dell'esame, talvolta sarebbe opportuno eseguirlo in un altro momento, pertanto potrà essere richiesto alla donna di ritornare per una seduta dedicata.

Noi stiamo utilizzando l'ecografia tridimensionale da circa un anno e tutti (medici, mamme e papà) siamo stati pervasi da un nuovo entusiasmo, simile a quello che provammo oltre 25 anni fa quando i primi ecografi fecero il loro ingresso nella pratica clinica e aprirono una finestra su un mondo misterioso e affascinante, fino ad allora sconosciuto. Da allora ci sono stati notevoli progressi tecnologici ma, prima di fare voli pindarici, abbiamo il dovere di porci alcune domande. Il pianto, il sorriso, gli sbadigli e le smorfie che i bambini ci mostreranno dal loro ambiente sommerso saranno davvero utili per migliorare la diagnostica prenatale? Le espressioni così precocemente "rubate" ai nostri bambini serviranno davvero agli psicologi per capire di più della psiche umana? Noi ne siamo convinti ma riteniamo che ci debba essere molta prudenza affinché questo potente mezzo diagnostico non si trasformi in uno nuovo e "divertente" elemento mediatico!

 

a cura del Dr. Rocco Gallicchio
Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Esperto in Diagnosi Prenatale - Milano

Richiedi una consulenza

 

 
       
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI