la gravidanza la nascita donna e mamma il bambino da 0 a 12 mesi il bambino da 1 a 3 anni imiobabyTV
News

Gli altri speciali

L'utilità della consulenza genetica
video D.ssa Pierangela Castorina

Video-intervista alla
D.ssa Pierangela Castorina

Medico Genetista, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli, Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Parte la collaborazione con la radiolina.it, la prima web radio 0-12 anni

Presto saranno trasmesse interviste realizzate da laradiolina.it a specialisti dello staff del Buonarroti Medical Center di Milano, che saranno trassmesse sul nostro sito www.lmiobaby.com.

Cuore pulsante del progetto laradiolina.it è la programmazione radiofonica che definisce in modo studiato l’alternanza e la durata del “suonato” e del “parlato".

Un mix di musica, intrattenimento e informazione dedicato ad una fascia d’età compresa tra i 0 e i 12 anni. La nascita di questo progetto la si deve ad un team di professionisti in settori tra loro eterogenei, che credendo da subito nell’idea e nello scopo sociale che si prefigge, ha investito le proprie conoscenze, esperienze, passioni per la sua buona riuscita.
Un ricco palinsesto accompagnerà il bambino 24 ore su 24: dalla mattina, con il “Buongiorno de laradiolina.it”, alla sera con le “Favole di Nonna Lina”, fino a notte con i programmi “Baby Classic” e “Baby Relax”. Durante la giornata si potranno ascoltare le più famose hits degli ultimi anni, dalle colonne sonore dei cartoni animati più amati, alla baby dance, fino agli ultimi successi dei più importanti concorsi canori italiani, come lo Zecchino e l’Ambrogino d’Oro.


Trasmettendo in modalità web, laradiolina.it è anche un portale costruito intorno alla radio che “accende la vista e l’udito”, intrattenendo visivamente e in modo interattivo i bambini che si collegano al sito. I baby ascoltatori entreranno così in una “baby community” in cui potranno imparare a leggere e a cucinare, scoprire nuovi giochi, da fare da soli o in compagnia, uscire con mamma e papà. Per questa ragione, laradiolina.it è un sito a misura di bambino, dalla grafica semplice e immediata, caratterizzato da suoni e animazioni e da un linguaggio facilmente comprensibile.

Tante rubriche diverse, tutte divertenti e ricche di contenuti per creare la “baby community de “laradiolina.it”, la tata dal naso verde e rosso che si accende e si spegne quando vuoi!

Per abbracciare il mondo del bambino a tutto tondo, laradiolina.it è anche edutaiment e healthytaiment, strumento di apprendimento per imparare divertendosi e guarire con il sorriso.

Verranno attivati progetti con le scuole, patrocinati dal Comune di Milano, e con gli ospedali, in collaborazione con la Fondazione ABIO Italia Onlus che metterà a disposizione la propria competenza professionale per attuare una sperimentazione pilota che porterà laradiolina.it negli ospedali milanesi per un successivo sviluppo del progetto in altre città italiane.
laradiolina.it significa anche “navigare in sicurezza”. Produrre contenuti di qualità che arricchiscano i bambini, li facciano riflettere e li stimolino alla conoscenza, in completa serenità. Per questa ragione laradiolina.it ha ottenuto il patrocinio della Polizia Postale e delle Comunicazioni.

IL GRUPPO DI LAVORO
Ideatori del progetto: Roberto Casaletti e Mariafrancesca Ferrara.
Collaboratori del progetto: Manuela Torre, Carlo La Manna
Art director: Anna Federica Ferrara, creatrice del logo e della parte grafica/artistica del portale
Web designer: Smallfish (Milano)
Consulente radiofonico: Francesco Duprè, dj, produttore discografico e musicista

Per informazioni: info@laradiolina.it, www.laradiolina.it

VAI AL VOLANTINO »

Farmacisti e pediatri insieme per aiutare “Un sorriso per un bambino”

La multinazionale farmaceutica Abbott, con il supporto di Federfarma, della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, della Società Italiana di Pediatria e della Federazione Italiana Medici Pediatri, ha realizzato l’iniziativa “Un sorriso per un bambino”, che consentirà di dare un contributo maggiore alla Fondazione Theodora Onlus e all’attività dei Dottor Sogni, già presenti in molti ospedali italiani per alleviare la sofferenza, anche emotiva, dei bambini ospedalizzati.
La partecipazione al progetto “Un sorriso per un bambino” avviene tramite FarmaDirect, il call center istituito dalla Abbott per garantire un rapporto diretto tra l’azienda farmaceutica e i farmacisti e per fornire un servizio di assistenza capillare da parte dei professionisti del settore, e tramite il sito www.theodora.org, dove è possibile conoscere l’elenco delle strutture in cui sono operativi i Dottor Sogni.
È possibile contattare FarmaDirect telefonando al Numero Verde 800.863.221, via fax al numero 06.92.90.72.700 o via mail all’indirizzo di posta aifarmadirect@abbott.com, garantendo in questo modo donazioni sempre più consistenti per migliorare l’attività di Theodora negli ospedali dove è già attiva, e ampliarne la presenza a strutture del Centro-Sud Italia.

Fonte: Farmacista33, 12/07/2008

Bambini: in città dopo la scuola

Tante iniziative cominciano proprio a ridosso della fine dell’anno scolastico, così il consiglio per non perdersi eventi interessanti per tutte le età è quello di rivolgersi ai comuni di residenza, agli assessorati all’infanzia o alle politiche sociali.
Riportiamo di seguito alcune informazioni utili per alcune delle maggiori città italiane.
Napoli - La città della Scienza (16 giugno - 1 agosto), per bambini da 4 a 11 anni. Laboratori scientifici e attività sportive. Info: 081.7352202 e www.cittadellascienza.it .
Milano - Idrocamp, organizzato dall'assessorato Idroscalo e Sport della Provincia, per ragazzi dai 6 ai 14 anni (costo: una settimana 120 euro). Info: 02.70200990, www.provinciamilano.it. Per altri campi consultate www.comune.milano.it .
Roma - Campus del Museo dei bambini Explora (8.00-16.30). Tornei all'aperto, laboratori manuali e multimediali, letture animate (costo: da 135 a 180 euro a settimana). Info: www.mdbr.it/servizi/index2.asp, tel. 06.613776
Il Museo civico di zoologia e la Cooperativa Myosotis (9 giugno - 25 luglio; 1 - 12 settembre) organizzano campi estivi per bambini dai 5 ai 12 anni. Tel. 06.97840700 e www.myosotisambiente.it .
Settimane sportive al Foro Italico: corsi di nuoto, giochi, salvataggio ecc. (16 giugno - 25 luglio) per ragazzi dai 6 ai 14 anni. Dalle 8 alle 13 o dalle 8 alle 16, da 65 a 110 euro a settimana, no sabato e domenica. Info 06.36857564

Fonte: Repubblica Salute, 12 giugno 2008

Ritorna la CORRICHICCO: un altro passo verso la sensibilizzazione all'affido come risposta all'abbandono infantile

Domenica 25 maggio ai Giardini Palestro di Milano una giornata di giochi e intrattenimento dedicata ai bambini e ai genitori. Chicco e Aibi ancora insieme per un traguardo possibile: dare una famiglia ad ogni bambino.
Per continuare il cammino di sensibilizzazione all’affido quale risposta all’abbandono infantile, Chicco e AIBI propongono per domenica 25 maggio presso i Giardini Pubblici di via Palestro a Milano la seconda edizione della “CORRICHICCO, DARE UNA FAMIGLIA AD OGNI BAMBINO: UN TRAGUARDO POSSIBILE”, una corsa non competitiva dedicata ai bambini e alle famiglie. Per tutta la giornata bambini e genitori potranno prendere parte a laboratori creativi, giochi all’aperto, momenti d’intrattenimento e rappresentazioni teatrali.

Lungo l’arco della giornata le attività proposte saranno mirate a sensibilizzare su quella che rimane ancora un’emergenza nazionale, seppure da molti sconosciuta e sottovalutata: si stima infatti che in Italia oltre 30mila bambini vivano “fuori dalla famiglia”, per quanto la legge sulla chiusura degli istituti per minori in Italia, la L.149 del 2001, avesse invece previsto l’accoglienza in famiglia o in comunità di tipo familiare.

Una domenica dedicata quindi ai bambini e alle famiglie, che contribuisca ad innescare un cambiamento culturale nelle persone, a diffondere la “cultura dell’accoglienza”.
La famiglia è una risposta all’emergenza abbandono: la famiglia garantisce infatti la continuità e il calore dei quali necessita un bambino affinché conservi fiducia in se stesso e negli altri.

La CorriChicco è però anche un’occasione per stare insieme, molti infatti i momenti di intrattenimento legati alla sensibilizzazione sul tema.
La corsa non competitiva, scelta come simbolo per manifestare il proprio sostegno al problema dell’abbandono, prenderà il via alle 16.30 e coprirà un percorso di 2,5 km all’interno del parco.
Le pre-iscrizioni alla corsa sono gratuite e saranno attive dal 12 maggio presso tutti i Negozi Chicco di Milano e hinterland; sarà comunque possibile iscriversi il giorno stesso della manifestazione e ricevere il kit contenente il materiale informativo sull’affido.
Inoltre, sia nella mattinata che nel pomeriggio, bambini e genitori potranno giocare a biglie sulla prima pista in sabbia allestita nel centro di Milano, i più piccoli potranno scatenarsi su coloratissimi gonfiabili, dare sfogo alla propria creatività all’interno del laboratorio di disegno. Ad intrattenere i partecipanti non mancheranno inoltre divertenti scultori di palloncini, maghi, truccatori e rappresentazioni teatrali con sceneggiature volte a sensibilizzare sul tema dell’affido.

Il Gommottino è il simbolo della manifestazione e della battaglia a favore dei bambini e del loro diritto ad una famiglia. Con una donazione minima di 5 euro nei Negozi Chicco e durante la CorriChicco è possibile ricevere l’ormai famoso succhietto colorato  per diventare testimone dell’emergenza abbandono.

Chicco e l’Associazione Amici dei Bambini compiono con questa iniziativa un altro passo lungo il percorso intrapreso dal 2002 per intervenire concretamente sull’emergenza abbandono dei bambini: molti bambini, infatti, hanno riscoperto il calore della famiglia grazie alle Case Famiglia aperte in Italia; inoltre la campagna di sensibilizzazione, la prima edizione della CorriChicco e i corsi di formazione promossi dall’associazione e rivolti a quanti sono interessati a accogliere temporaneamente un bambino in difficoltà familiare, hanno contribuito a diffondere la cultura dell’accoglienza e a promuovere l’affido.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

Ore 10.30
APERTURA ATTIVITA’ ANIMAZIONE, ISCRIZIONI CORSA E INFOPOINT AIBI
Tra le attività proposte per tutta la giornata: pista di biglie, giochi gonfiabili, laboratori di disegno, gare Rodeo, percorso passeggini, ecc.

Ore 12.00
SPETTACOLO TEATRALE

Ore 16.30
INIZIO CORSA NON COMPETITIVA

Ore 17.30
PREMIAZIONI

Ore 18.30
FINE ATTIVITA’

VAI AL VOLANTINO »

Per ulteriori informazioni
Ufficio Stampa MS&L Italia:
Claudia Mannino        Tel. 02/77336.221      claudia.mannino@mslitalia.com
Thomas Balanzoni      Tel.02/77336.225       thomas.balanzoni@mslitalia.com

Direzione Centrale Comunicazione Gruppo Artsana:
Michela Porta                         Tel. 031/382.294        michela_porta@artsana.it
Carlotta Anderloni     Tel. 031/382.771         carlotta_anderloni@artsana.it

Ufficio Stampa Associazione Amici dei Bambini:
Francesca Mineo        Tel. 02/98822.361      francesca.mineo@amicideibambini.it

Il sentire dei bambini

A Milano lunedì 19 maggio, alle ore 18.30, Mondadori Multicenter, via Marghera 28, verrà presentato il libro "Il sentire dei bambini. Dall'arte alle Costellazioni Familiari" di Donatella Celli. L’autrice ci conduce in un viaggio stimolante vissuto insieme ai bambini all’interno della struttura scolastica. Un viaggio attraverso i saperi dell’arte, la meditazione, le costellazioni familiari. Durante questo percorso i bambini vengono accompagnati alla scoperta di loro stessi e degli altri e ad apprendere in un clima di fiducia, rispetto e collaborazione. Ricco di esperienze, racconti, stimoli, il libro dà voce a ciò che i bambini sentono, vedono, pensano, e mette in luce la forza, la meraviglia, la semplicità con cui si avvicinano al mondo e alla vita. Le indicazioni metodologiche e i percorsi tracciati rappresentano inoltre, per insegnanti ed educatori, una valida guida sia per affrontare situazioni e casi difficili sia per rendere più fluido e scorrevole il processo d'apprendimento, favorendo al contempo una creativa collaborazione tra scolari, insegnanti e genitori.
Donatella Celli pedagogista, specializzata in arteterapia e costellazioni familiari, da diversi anni si occupa di disagio preadolescenziale e dell’integrazione sociale di soggetti diversamente abili. Insegnante elementare, conduce laboratori teatrali e artistici in contesti educativi diversi, corsi di formazione per insegnanti ed educatori, seminari per genitori e figli, sessioni individuali di costellazioni familiari e sistemiche.

Fonte: www.tecnichenuove.com
Ufficio stampa - Lia Giaccherini (lia.giaccherini@tecnichenuove.com, Tel. +39 0239090220)

Favola della buona notte: imprinting educativo per i bimbi

Leggere a un bambino la favola della buona notte comporta grandi benefici per il corretto sviluppo della memoria, del movimento e della padronanza del linguaggio.
Ad affermarlo è lo studio condotto presso la Boston University e pubblicato sul giornale Archives of Disease in Childhood, con cui i ricercatori hanno dimostrato come il momento della lettura serale possa diventare un momento non solo di condivisione emotiva tra genitori e figli, ma anche di apprendimento.
Se il compito di voltare le pagine per esempio viene affidato al bambino questo migliorerà lo sviluppo delle sue facoltà motorie; inoltre il fatto di dover solo ascoltare la storia, senza poterne seguire la traccia leggendo, allena le facoltà mnemoniche del piccolo nonché la capacità di mantenere un livello di attenzione per un tempo prolungato. Non bisogna dimenticare infine che la lettura di un testo presuppone, da parte dell’adulto, l’utilizzo di vocaboli più difficili di quelli impiegati nella normale conversazione orale con un bambino, e se l’adulto avesse l’accortezza di soffermarsi a spiegare il significato di ogni parola nuova incontrata durante la lettura della favola, questo darebbe un notevole vantaggio allo sviluppo del linguaggio e  all’ampliamento del vocabolario del bimbo.
Un’ultima condizione necessaria per far sì che i bambini imparino ad amare i libri e a viverli come un’esperienza che li accresca emotivamente e culturalmente è che i genitori devono far si che l’incontro con la lettura avvenga in età molto precoce.

Fonte: Corriere della Sera, 13 maggio 2008

Dal 19 aprile ambulatori pediatrici aperti per piccole emergenze

A Milano, da sabato 19 aprile, nuovi ambulatori pediatrici e di medicina generale aprono per evitare che nel week-end la gente sia costretta a recarsi al Pronto Soccorso. L'iniziativa prevede l'apertura di 25 nuovi ambulatori distribuiti nei 5 distretti.

Fonte: www.aboutpharma.it, 17 aprile 2008

Ortensie azzurre per aiutare i bambini di Telefono Azzurro

Sabato 19 e domenica 20 aprile torna in più di 2000 piazze italiane la manifestazione “Fiori d’Azzurro”, che come ogni anno ha l’obiettivo di promuovere ed aiutare l’azione di Telefono Azzurro, l’Associazione che da più di vent’anni sostiene i bambini che hanno bisogno d’aiuto e le loro famiglie.
Per dare il proprio aiuto concreto sarà infatti possibile acquistare una delle ortensie azzurre in vendita presso i banchetti allestiti da più di 6 mila volontari; un altro contributo possibile è quello di aderire all’Associazione come nuovi volontari, semplicemente lasciando il proprio recapito.
È possibile avere maggiori informazioni contattando il numero verde 800090335 o visitando il sito internet www.azzurro.it

Fonte: www.azzurro.it

“Vietato mordere la zia”: un libro per spiegare l’emofilia

La Federazione delle Associazioni Emofilici Onlus, in collaborazione con la Fondazione Paracelso Onlus, ha organizzato per la settimana dal 12 al 20 aprile 2008 una serie di iniziative volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul delicato tema dell’emofilia, una malattia ereditaria che colpisce nella maggioranza dei casi gli uomini (le donne sono portatrici sane, mentre solo in rari casi ne sono affette) riducendo notevolmente le capacità di coagulazione del sangue.
In occasione della Giornata Mondiale dell’Emofilia, celebrata come ogni anno il 17 aprile, è stato pubblicato il libro scritto da Cristina Brambilla e intitolato “Vietato mordere la zia”, che ha l’obiettivo di spiegare i problemi legati all’emofilia anche ai più piccoli, con un linguaggio semplice e divertente ed aiutandosi con disegni creati da bambini che ne sono affetti.
Il libro fa parte della più ampia iniziativa “Aiutiamo i bambini emofilici a sentirsi solo bambini” dedicata proprio ai pazienti più piccoli e che, insieme ai banchetti informativi presenti in molte città d’Italia, per tutta la settimana aiuterà a diffondere informazioni su questa malattia così diffusa e pericolosa, ma ancora spesso sconosciuta..

Fonte: www.fondazioneparacelso.it

Latte artificiale e farmaci: un Osservatorio per monitorare i prezzi

A seguito di diverse segnalazioni effettuate dai consumatori, il Garante per la Sorveglianza dei prezzi in collaborazione con il Ministero della Salute, ha istituito un Osservatorio che si occupi di monitorare il prezzo del latte artificiale per l’infanzia.
Le segnalazioni, una trentina in tutto, denunciano infatti un aumento dei prezzi di questo alimento pediatrico che oscilla tra il 10 e il 35%. Tale rincaro sembra essere di molto superiore al rinnovo del listino prezzi effettuato nel mese di febbraio, tanto che non tutte le marche italiano hanno disposto il rialzo del prezzo.
Se l’indagine in corso confermerà la presenza di aumenti sul latte per l’infanzia, questo significherebbe un notevole divario fra i costi fissati in Italia e i prezzi medi degli altri Paesi europei, creando non pochi problemi all’Associazione italiana industria alimentare (Aiipa).
Le associazioni che tutelano i diritti dei consumatori sono intervenute manifestando forte consenso nella creazione dell’Osservatorio, ma sottolineando anche la necessità di detrazioni fiscali per le famiglie e il dovere di tutelare l’autonomia dei pediatri nella scelta del latte, che dovrebbe essere prescritto solo in base alle necessità del piccolo consumatore e non secondo i prezzi di mercato.

Fonte: Adnkronos Salute, 3 aprile 2008

'Tutti insieme per Neurothon': un SMS Solidale

MARTEDì 26 e MERCOLEDì 27 FEBBRAIO LA SERIE A e NEUROTHON IN CAMPO PER SOSTENERE IL PROGETTO SCIENTIFICO ‘L’OFFICINA DEL CERVELLO’ PER LA RICERCA SULLE MALATTIE NEURODEGENERATIVE
Le squadre di Serie A insieme a Neurothon - Associazione per la Ricerca sulle Malattie Neurodegenerative, in occasione del turno infrasettimanale di mercoledì 27 febbraio, con l'anticipo del derby Juventus-Torino di martedì 26 febbraio, sostengono la ricerca sulle cellule staminali cerebrali condotta dal Prof. Angelo Vescovi per combattere malattie, ad oggi ancora incurabili, come la Sclerosi Laterale Amiotrofica – conosciuta tristemente nel mondo dello sport e soprattutto nel calcio come Morbo di Lou Gehrig.

Martedì 26 e mercoledì 27 febbraio, Neurothon - grazie alla collaborazione di Lega Calcio, Associazione Italiana Arbitri, delle squadre di Serie A, di Assoallenatori, Assocalciatori e con il patrocinio di Federazione Italiana Giuoco Calcio - lancerà un appello per sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni sull’importanza di sostenere la ricerca sulle malattie neurodegenerative e le lesioni midollari.

L’ingresso delle squadre sarà accompagnato dal mega-striscione che inviterà a sostenere NEUROTHON nel finanziamento del progetto di ricerca scientifica ‘L’OFFICINA DEL CERVELLO’ attraverso l’invio di un SMS Solidale al numero 48587, già attivo dal 16 febbraio. I clienti TIM, VODAFONE, WIND e 3 nei giorni dal 16 al 27 febbraio, potranno aiutare a finanziare la ricerca condotta dal Prof. Angelo Vescovi sulle cellule staminali cerebrali, donando 1 euro con un SMS al numero 48587.

Sarà invece pari a 2 euro la donazione telefonando da rete fissa Telecom Italia e componendo sempre il numero 48587. Neurothon finanzia il progetto ‘L’Officina del Cervello’ che ha l’obiettivo di avviare, il prima possibile, la sperimentazione clinica per la cura delle malattie neurodegenerative e delle lesioni midollari. Malattie come Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) altrimenti nota nel mondo dello sport ma soprattutto del calcio come Morbo di Lou Gehrig, Sclerosi Multipla, Morbo di Parkinson, Malattia di Alzheimer, SMA e lesioni spinali e midollari, per citarne alcune, e che al momento non hanno alcuna cura, ne prevenzione! In concomitanza con la 6^ giornata di ritorno del Campionato di Serie A, giocata nell’anticipo infrasettimanale del mercoledì, verrà esposto nei 10 campi di gioco uno striscione riportante la scritta “TUTTI INSIEME PER NEUROTHON – invia un SMS al 48587”.

Il messaggio verrà portato in campo 20 minuti prima dell’inizio delle partite dai ragazzi delle squadre giovanili e sarà passato in rassegna dai calciatori, dal direttore di gara e dai suoi assistenti che indosseranno delle t-shirt a favore di Neurothon.
I campi interessati dall’iniziativa saranno quelli di MILANO (Inter-Roma), FIRENZE (Fiorentina-Livorno), SIENA (Siena-Cagliari), PALERMO (Palermo-Empoli), CATANIA (Catania-Milan), GENOVA (Genoa-Napoli), ROMA (Lazio-Reggina), BERGAMO (Atalanta-Sampdoria), PARMA (Parma-Udinese) e TORINO 26/02 (Juventus-Torino).

Per maggiori informazioni E-mail: info@neurothon.it – Tel. 02.58.01.43.69
www.neurothon.it
Ufficio stampa: RdP Strategia e Comunicazione
Tel. 027490794 - Fax 0270006596 E-mail: rdp@rdp.it

 

Troppi psicofarmaci per i bambini iperattivi

Lo psicofarmaco doveva essere l'ultima risorsa terapeutica per i disturbi infantili in Italia, e invece non è così: se è vero che il fenomeno è all'inizio nel nostro Paese (i centri per somministrarli stanno aprendo ora,  ce ne sono 40 su 112 che hanno 'arruolato' poche centinaia di bambini) è altrettanto vero che, secondo i dati forniti dal ministero della Salute, la percentuale di bambini posti in terapia con psicofarmaci è tripla rispetto a quella americana e addirittura quintupla rispetto a quella inglese (83% in Italia, 18% in Inghilterra e 32% in Usa).

Luca Poma, portavoce del comitato Giù le mani dai bambini - che consorzia 170 enti tra i quali dieci università - ha fornito i dati nel convegno nazionale "Bambini diversamente vivaci: patologia o risorsa?", organizzato stamane in Campidoglio in occasione della "Giornata mondiale dell'infanzia". "Le autorità di controllo sanitario cercano di ridimensionare questa cattiva pratica sanitaria, - ha spiegato Poma - sostenendo che lo psicofarmaco in Italia si da solo in casi limite, dopo il fallimento di ogni altro strumento terapeutico. Questo è però falso, prova ne sia che pur essendo solo all'inizio di questo percorso già l'83% dei bambini presi in carico è sottoposto a terapie a base di metanfetamine. Tutto ciò è davvero sconcertante, visto che si tratta di farmaci pericolosissimi dai notevoli effetti avversi che vanno dal rischio di ictus a quello di sindromi maniaco-depressive".

In Italia, dalla più ampia ricerca mai finanziata dal ministero della Salute, risulta che il 9% dei bambini soffrre di disturbi psichici (737.390) e l'1% (81.030) è affetto dalla contestata Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhd), con alcune società pediatriche che portano al 5% il rischio Adhd per la popolazione. "Negli ultimi quindici anni la produzione di Ritalin, l'anfetamina data ai bambini troppo agitati, è aumentata di ben diciassette volte - ha commentato William B. Carey, celebre professore di pediatria clinica presso l'università della Pennsylvania -. Negli Usa solo per l'iperattività vengono somministrati questi psicofarmaci a oltre quattro milioni di bambini. I criteri diagnostici sono tuttavia vaghi e inesatti con molti giovani sani messi in cura senza motivo". Nel corso dell'evento è stata consegnata a "Giù le mani dai bambini" la "Targa d'Argento" della Presidenza della Repubblica Italiana per i meriti come campagna sociale di sensibilizzazione.

Nel recente passato, l'Agenzia Dire si è già occupata dell'argomento relativo alla somministrazione di psicofarmaci ai bambini.

Fonte: www.diregiovani.it

Neonati senza pannolini, la moda si diffonde

Crescere un neonato senza pannolini, educandolo sin dalle prime settimane di vita all'uso del vasino o del WC? Non è un'utopia, giurano i membri del movimento DiaperFreeBaby, cioè "bambino libero da pannolini".
DiaperFreeBaby è un'organizzazione no-profit dello Stato americano del Massachusetts fondata nel 2004 da due mamme, Melinda Rothstein e Rachel Milgroom, che oggi grazie a un capillare lavoro di comunicazione da parte delle attiviste conta succursali in ben 11 Paesi oltre agli Usa.
La base della filosofia dell'organizzazione è un approccio naturale alla gestione dei bisogni fisiologici dei bambini. Il processo si esplica con l'osservazione attenta e l'interpretazione dei segni che i bambini danno quando hanno necessità di urinare o evacuare, e l'educazione dei pargoli ad associare pipì e popò a determinati luoghi (non il divano di casa, possibilmente) e/o suoni.
Spiega Melinda Rothstein, una delle due fondatrici di DiaperFreeBaby: "I benefici della nostra impostazione sono: migliore comunicazione tra figli e genitori, migliore comprensione degli stati d'animo del neonato, rispetto per le funzioni corporali del neonato, stimolo della capacità di apprendere del neonato e maggiore benessere per i bambini, liberi dai pannolini". La signora ha tralasciato il risparmio economico. Lo aggiungiamo noi.
I contro? Una dedizione 24 ore su 24 alla questione-evacuazione del neonato, e mettere in conto un buon numero di tentativi andati a vuoto, con potenziali sgradevoli conseguenze per la pulizia domestica.
Nonostante i problemi e le perplessità di molti, non mancano gli entusiasti: la signora Julia Nakhleh - quando sua figlia Akha ha utilizzato il WC a solo una settimana di età racconta di aver chiamato il marito al lavoro e di avergli gridato con tutto il fiato "Ce l'ha fatta! Ha fatto la cacca nella tazza, e tutto da sola!" Il signor Nakhleh si sarà sicuramente lasciato andare a rumorose scene di giubilo, c'è da immaginarselo.

 

Fonte: it.health.yahoo.net

Da ottobre 2007 a maggio 2008, nuovi corsi di formazione-aggiornamento sull'autismo ed altre comunicopatie dell'età evolutiva ed adolescenziale.

Come negli ultimi anni, le sedi saranno Napoli e Milano; in entrambe le città verranno svolte le stesse lezioni e sarà possibile per gli iscritti effettuare il tirocinio pratico anche in tutte e due le sedi. Contenuti del programma rinnovati in base alle nuove scoperte ed esperienze acquisite nel continuo evolversi del nostro lavoro di diagnosi e riabilitazione. Al termine del corso, come già accaduto nelle precedenti occasioni, i partecipanti particolarmente meritevoli potranno essere invitati a restare a lavorare presso le nostre strutture.
Programma e informazioni nella sezione Corsi e Convegni del sito http://www.massimoborghese.it

La redazione, settembre 2007

 

 
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI