imiobabyTV
torna al sondaggio

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Le parole-chiave

Varietà. È importante abituare il bambino a un’alimentazione il più possibile variata. Una dieta monotona, infatti, può avere serie conseguenze sulla salute dei piccini, perché porta a carenze nutrizionali più o meno gravi o a un’eccessiva assunzione di sostanze che, per esempio, possono essere tra le cause dell’obesità. La pratica nutrizionale della varietà va introdotta dai genitori prima che arrivi il periodo della cosiddetta “neofobia alimentare”, ovvero il rifiuto di accettare nuovi e inconsueti alimenti, che in genere compare intorno ai 24 mesi.
 
Gradualità. Bisogna introdurre un alimento per volta. Così si individueranno facilmente eventuali allergie e intolleranze. Se non gradito al primo assaggio, il nuovo alimento va riproposto dopo qualche giorno (in genere 2-3) e più volte (anche fino a 10!): più un cibo diviene familiare per il bambino, più lui tenderà ad apprezzarlo e consumarlo con frequenza.

Pazienza. Non si deve avere fretta, ma rispettare i tempi del bambino. Il rifiuto di un alimento nuovo non è mai definitivo e la sua naturale curiosità, insieme all’appetito, lo porteranno successivamente a riconoscere e apprezzare i vari sapori.

Costanza. Perseverare con dolcezza nel proporre nuove pappe, cercando ogni volta di incuriosire e invogliare il bambino a sperimentare gusti che non conosce.

 

Fonte: Conferenza stampa di presentazione del Mese della Nutrizione Infantile promosso da Mellin in collaborazione con la pediatria italiana

 

12 gennaio 2008
     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI