imiobabyTV
torna al sondaggio

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Gli alimenti giusti mese per mese

DA 0 A 4 MESI. Alla nascita il neonato è caratterizzato da alcune immaturità di funzioni (per esempio quelle digestive, immunitarie e cerebrali). Perciò è di fondamentale importanza l’allattamento al seno. Il latte materno è l’alimento completo e ideale per il primo semestre di vita, ed è alla base del concetto di “prevenzione primaria” del rischio di malattie cronico-degenerative dell’adulto (rinforza il sistema immunitario e riduce il rischio di obesità e diabete).

DA 4 A 6-7 MESI. In questi mesi lo sviluppo fisico e cognitivo del bambino continua a essere elevatissimo ed è importante che sia sostenuto da un’alimentazione corretta. Questo è il periodo durante il quale inizia lo svezzamento: sarà il pediatra a valutare il momento giusto per iniziare,  secondo le caratteristiche del piccolo. Per il bambino è un momento delicato, segnato dal passaggio da un’alimentazione esclusivamente lattea a una più consistente e ricca di nuovi gusti. Si consiglia di partire con pappe leggermente liquide e cremose, per passare poi a una densità maggiore e solo successivamente a veri e propri pezzettini di cibo. Si inizia lo svezzamento partendo da un brodo vegetale arricchito con creme di cereali senza glutine, per esempio creme di riso e di mais/tapioca con l’aggiunta di un liofilizzato di carne. Si potrà poi proseguire con gli omogeneizzati di carne. Anche in queste fasi il latte ideale per il bambino è quello materno, ma qualora manchi o non sia sufficiente, si può ricorrere al latte di proseguimento. È invece sconsigliato l’uso del latte di latteria fino al 12° mese: questo latte è infatti troppo ricco di proteine e sodio che possono sovraccaricare il lavoro renale del bambino, ed èinvece povero di acidi grassi essenziali, importanti per la formazione delle fibre nervose, di vitamine e di elementi importantissimi per la crescita, come ferro, zinco e iodio. All’inizio dello svezzamento, è consigliabile inoltre introdurre ogni alimento nuovo da solo, in modo da poter individuare eventuali allergie o intolleranze.

DA 7 A 12 MESI. Questi sono i mesi in cui il bambino comincia a muoversi di più, gattona e sta seduto, riesce a bere da solo e a tenere in mano piccoli pezzi di cibo. In questi mesi si può completare l’alimentazione con l’introduzione degli omogeneizzati di pesce, degli omogeneizzati di proseguimento, delle pappe, della pastina e dei frutti che prima non poteva mangiare (per esempio le fragole). È il momento della varietà alimentare e della completezza nutrizionale; è infatti il periodo giusto per proporre i nuovi gusti perché, con il passare del tempo, sarà sempre più difficile far gradire loro le novità. È importante quindi preparare al bimbo pappe sane e nutrienti, facendo attenzione alle quantità, che non devono essere né troppo abbondanti né troppo ridotte, per ridurre il rischio di obesità da una parte ed eventuali carenze alimentari dall’altra; è bene ricordare che la monotonia alimentare è spesso alla base di entrambi.

DA 12 A 36 MESI. La capacità motoria del bambino in questi due anni aumenta costantemente e crescono anche i dentini, che rendono possibile per il bambino sperimentare la masticazione: i biscotti sono sicuramente un aiuto per questo scopo. Ora il bambino può mangiare anche i formati più grandi di pastina e pasta. È importante che il bambino non si avvicini troppo presto al cibo della famiglia, perché il suo organismo non è ancora del tutto maturo. Inoltre, è fondamentale variare sempre l’alimentazione, evitando la monotonia: si abituerà più facilmente così a una dieta sana ed equilibrata. In modo particolare va ricordato che il bambino fino al 18° mese è molto più ricettivo: in questo periodo è dunque ancora più importante abituarlo alla varietà.

 

Fonte: Conferenza stampa di presentazione del Mese della Nutrizione Infantile promosso da Mellin in collaborazione con la pediatria italiana

 

12 gennaio 2008
     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI