imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Quando andare in ospedale

  • Quando le contrazioni che avvertite già da un po’ di tempo si fanno più frequenti e regolari (per es.da circa due ore contrazioni ogni 5 minuti che danno la stessa sensazione dolorosa) e il rimanere a casa o occupate dalla vostre solite attività vi mette a disagio

  • Se siete una pluripara, almeno dopo un’ora (valutate la distanza da casa vostra e, in base all'ora, il traffico!) dall'insorgenza di contrazioni dolorose, della durata di circa un minuto e con ritmo ogni 4-6 minuti

  • Se siete una primipara, almeno dopo due ore di contrazioni con le stesse caratteristiche

  • Fino a che vi domandate se potete rimanere a casa o è già ora di andare in ospedale: potete ancora rimanere a casa! Quando sentite che è ora senza domandarvelo: quello è il momento giusto per voi!

  • Se c’è stata la rottura delle membrane e perdete liquido amniotico. Se il liquido che cola è chiaro, non c’è urgenza, potete andare con calma in pronto soccorso. Viceversa se il liquido è giallo o verdastro, è meglio accelerare i temi e presentarsi entro breve in ospedale.

  • Se, comunque, vi coglie un senso di angoscia. Piuttosto che rimanere nel dubbio e non dormire tutta la notte, è meglio fare una verifica. Spesso in questa fase, dopo il controllo della dilatazione e del battito cardiaco, il medico vi rimanda a casa perché è ancora presto. Non preoccupatevi: queste contrazioni "preparatorie" si sopportano meglio nel proprio ambiente che in un'anonima stanza dell'ospedale!

  • Se vi sono perdite ematiche

  • Se non sentite più muovere bene il bambino

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI