imiobabyTV
Travaglio e parto

Gli altri speciali

Varici, trombosi, rischio pillola/trombosi
video Dr. Y. Tshomba

Video-intervista al
Dr. Yamume Tshomba

Medico Chirurgo
Specialista in Chirurgia vascolare
Buonarroti Medical Center
Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Il secondamento

 

  • Dopo la nascita del bimbo bisognerà attendere ancora qualche evento, importante quasi quanto il parto stesso, prima del meritato riposo.

  • La placenta, l'organo che ha nutrito e ossigenato il bambino per tutta la gravidanza, si distacca dalla parete dell’utero (che continua a contrarsi) e viene espulsa spontaneamente, anche se è necessario mettere in atto alcuni accorgimenti e importanti norme di assistenza.

  • La perdita di una cospicua quantità di sangue (fino a 500 cc) durante l’espulsione è da ritenersi normale, in quanto i grossi vasi che hanno irrorato la placenta per nove mesi terminano la loro funzione.

Che cosa succede durante questo periodo
  • Dopo pochi minuti dalla nascita, l'utero si contrae per espellere la placenta, il cordone ombelicale e le membrane. Questo avviene in 4 tempi:

    • distacco della placenta,
    • caduta nella parte inferiore dell'utero,
    • passaggio in vagina e, infine,
    • espulsione degli annessi placentari, inevitabilmente associata a una discreta perdita di sangue.
  • La durata del secondamento può variare da pochi minuti a un ora; in media ci vogliono 20 minuti.

  • Successivamente l'utero si contrae, provocando un effetto “emostatico” muscolare che previene un'eccessiva perdita di sangue dalla zona di distacco della placenta, e forma il cosiddetto "globo di sicurezza" (per la forma tondeggiante assunta dal corpo dell’utero)

  • La placenta espulsa viene in seguito esaminata per accertarne l’integrità e controllare che non ne siano rimasti residui in utero: tale eventualità può essere, infatti, causa di emorragia.

Cosa fa chi vi ha assistito (ostetrica o medico) durante il parto

  • Controlla la perdita ematica e, se necessario, svuota la vescica con il catetere.

  • Quando la placenta si stacca, ne facilita la fuoriuscita con una modica trazione sul funicolo e poi la ruota più volte unitamente alle membrane. Raramente può essere necessario facilitare l'espulsione con una spremitura dell'utero un po' fastidiosa.

  • Se l'utero non è ben contratto, per prevenire emorragie, esercita un massaggio esterno con la mano sul fondo.

  • Quando necessario, rimuove eventuali residui di placenta e membrane con batuffoli sterili, montati su una pinza ad anelli.

  • In alcuni ospedali viene effettuata un'iniezione intramuscolare che permette un'ulteriore contrazione dell'utero.

  • Quando è stato necessario il taglio (episiotomia) per facilitare la nascita del bimbo, pratica un'ulteriore anestesia locale prima della sutura.

  • Esegue la sutura (episiorrafia) della ferita, sotto anestesia locale. L’operazione può durare abbastanza a lungo perché è una specie di ricamo che va effettuato con cura per ricollegare correttamente i muscoli.

  • La levatrice vi darà una borsa del ghiaccio per ridurre il gonfiore e dei pannolini per tamponare il sangue che continuerete a perdere per più giorni, simile al flusso di una mestruazione abbondante. La durata di queste perdite vaginali (lochi) varia molto da donna a donna. Alcune sanguinano per alcuni giorni, altre continuano anche per cinque o sei settimane.

    Piccole norme igieniche da seguire durante le lochiazioni »


Cosa farete durante questo periodo

  • Anche se siete stanche, dovete compiere ancora un piccolo sforzo: inspirare, trattenere il respiro e nello stesso tempo spingere per facilitare la fuoriuscita della placenta e delle membrane

  • Non preoccupatevi se subito dopo avvertirete brividi molto intensi. Probabilmente causati dal passaggio di piccole quantità di liquido amniotico nel sangue, sono assolutamente normali, passano nel giro di pochi minuti e con l'impiego di qualche coperta

  • È molto importante che siate particolarmente rilassate durante le manovre di "pulizia" dell'utero, l'anestesia locale e la sutura

  • In molti ospedali si procede subito alla toeletta della madre e del neonato. In alcuni ospedali questa prassi sta ora cambiando e spesso si dà ai genitori l’opportunità di starsene per un’oretta tranquilli con il loro bambino subito dopo le cure essenziali. La pulizia avverrà più tardi.

 

Vai alla fase precedente »    Ecco sta per nascere
Vai alla fase successiva »    Il post-partum

 

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI