imiobabyTV
Travaglio e parto

Gli altri speciali

Importanza e finalità della visita pediatrica
video Dr. Piercarlo Salari

Video-intervista al
Dr. Piercarlo Salari

Medico Specialista in Pediatria - Divulgazione Sciantifica
Buonarroti Medical Center
Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Ecco sta per nascere

Immagine tratta dal libro:
"da Progetto Nascere a Saro' Madre"
di F. Miraglia - Ed. Rizzoli.

Verso la fine del periodo espulsivo, se siete in ospedale verrete trasferite in sala parto (sebbene attualmente in molti ospedali la donna può avere il travaglio e il parto nella stessa stanza) e sdraiate su un lettino a meno che non abbiate deciso di partorire in un'altra posizione.


Nella sala parto
  • Al momento del parto viene eseguita una disinfezione dei genitali e, solo se necessaria, la rasatura del perineo (tricotomia).

  • A ogni contrazione la testa del bambino esce sempre di più dall’orifizio vaginale, sebbene possa arretrare lievemente nell’intervallo tra una e l’altra.

  • In alcuni casi, soprattutto nelle primipare, è necessario eseguire – previa anestesia locale, l’episiotomia, un piccolo taglio sul perineo che aumenta di qualche centimetro la dilatazione dei genitali esterni ed evita l’eventuale lacerazione spontanea dei tessuti.

  • L’ostetrica aiuta la partoriente sorvegliando la progressione della testina del bambino attraverso i genitali; interviene, quando opportuno, per facilitare il passaggio del neonato, usando le proprie mani o dei teli appoggiati sul perineo. Successivamente, esercita una leggera trazione sulla testa per favorire la fuoriuscita delle spalle e la rotazione e fuoriuscita della rimanente parte del corpo del bambino che in genere avviene nel giro di un paio di contrazioni.

  • È importante che collaboriate attivamente con l’ostetrica e con il medico, ascoltando e, per quanto possibile, mettendo in atto i loro consigli. Nel momento del disimpegno della testa e delle spalle del nascituro vi potrebbe essere chiesto di spingere con minore intensità o addirittura di non spingere e respirare alitando. Potreste percepire una sensazione d’intenso bruciore: non deve allarmarvi; il bruciore è dovuto al fatto che il bambino, nella sua discesa tende le pareti del canale del parto. Smettendo di spingere e adottando una respirazione alitante, lasciate che sia l’utero a procedere con l’espulsione. Nel frattempo abbandonatevi all’indietro e cercate di rilasciare ogni muscolo, soprattutto quelli della zona perineale. Il bruciore comunque dura in genere solo pochi istanti ed è seguito immediatamente da una sensazione d’intorpidimento generale, dovuta al fatto che la testa del bambino, tendendo i tessuti della vagina, li assottiglia al punto tale di neutralizzare i nervi. Ciò dà luogo a una sorta di anestesia naturale.

  • Dopo la nascita, se non vi sono problemi particolari, potete accogliere sul ventre il vostro bambino e accarezzarlo. Nulla è più benefico per vostro figlio del contatto con la vostra pelle, del suono della vostra voce e del battito del vostro cuore. Il contatto con il vostro corpo consente anche al neonato di mantenere una temperatura corporea adeguata e di venire a contatto con i microrganismi materni prima che con quelli di altre persone. È comunque utile detergerlo e ricoprirlo con telini calsi, per evitare ogni dispersione termica.

  • Il cordone ombelicale può essere reciso entro alcuni minuti o anche successivamente. Al contrario di quanto avveniva in passato, infatti, i medici oggi ritengono che il bambino tragga dei benefici dal rifluire del sangue placentare attraverso il cordone e che quest’ultimo non debba, quindi, essere tagliato prima che abbia cessato di pulsare. Al momento opportuno esso verrà pinzato a 13-15 cm dall’ombelico del bambino.

  • Quando necessario, l’ostetrica libera le prime vie aeree del neonato (naso e bocca) aspirando le secrezioni con una cannula di plastica sterile, prima di adagiarlo sul grembo materno. Il piccolo piangerà probabilmente una prima volta al momento dell’espulsione e una seconda pochi istanti dopo la nascita. (vedi neonato)

  • In caso di parto fisiologico, il neonatologo potrebbe non essere presente in sala parto. Visiterà il bambino una volta che questi raggiungerà la nursery.

  • Sebbene non tutti i neonati siano “pronti” pochi minuti dopo la nascita a essere attaccati al seno materno, è tuttavia importante agevolare la suzione precoce per una serie molteplice di ragioni:

    • Favorire l’attaccamento madre-figlio
    • Rassicurare il neonato, il quale riconosce la voce della mamma che lo coccola
    • Potenziare la contrattura dell’utero per ridurre il sanguinamento
    • Avviare il processo di produzione del latte (lattogenesi).

 

Vai alla fase precedente »    Il periodo espulsivo
Vai alla fase successiva »    Il secondamento
     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI