imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Il colloquio con lo specialista

 

La consulenza genetica in vista di una gravidanza (“consulenza genetica preconcezionale”) è un colloquio che serve a valutare se la coppia che intende avere un figlio presenta sotto il profilo genetico problemi o rischi che possano riflettersi sulla salute del nascituro.



 

Chi è il consulente genetico?

Il consulente genetico è un operatore sanitario specializzato in genetica medica. Secondo l'attuale regolamentazione biologi e medici in possesso di tale specializzazione post-laurea possono esercitare attività di consulenza genetica. Generalmente il consulente genetico opera nell'ambito di un centro di consulenza genetica, dove spesso vengono effettuate anche alcune indagini di tipo diagnostico.

Durante il colloquio lo specialista:

Potete voi stessi prima del colloquio con lo specialista provare a costruire il vostro albero genealogico.
I dati importanti sono, sia da parte di “lei” che da parte di “lui”:

Può accadere che solo raccogliendo questi dati emergano delle realtà di cui prima non eravate a conoscenza o su cui non avevate riflettuto o che suggeriscono all’esperto l’esistenza di un problema genetico.

È importante in sostanza che i “rischi riproduttivi particolari” vengano identificati prima della gravidanza: questo può permettere di fare degli accertamenti in “lui” o in “lei” ed evitarli quando la gravidanza fosse avviata; se invece risultasse la necessità di farli nel corso della gravidanza si può sapere prima quali sarebbero e in che tempi andrebbero fatti.

 

a cura della D.ssa Graziella Borgo
Specialista in Genetica Medica
Specialista in Consulenza Genetica Riproduttiva
Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica - Verona

 

 





     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI