imiobabyTV
torna al sondaggio

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

La cura dell'igiene personale

Durante le sei settimane che seguono il parto (puerperio) l'apparato genitale e il corpo in generale tornano gradualmente allo stato normale, a eccezione del seno che svolge l'importantissima funzione dell'allattamento. Si tratta di un momento molto delicato, durante il quale la donna subisce alcune modificazioni importanti del corpo e degli ormoni ma, soprattutto, è sottoposta a una “tempesta” psicologica davvero rilevante poiché si deve confrontare con la nuova realtà di essere diventata mamma.

Durante il puerperio non sono meno importanti i problemi connessi alla ripresa di alcune funzioni corporali e all’igiene personale.
Nei giorni immediatamente successivi alla nascita del bambino tutte le donne hanno perdite di sangue piuttosto abbondanti (lochiazioni), simili a mestruazioni, che durano circa una settimana. Poi, per tutto il primo mese e, a volte, fino al ritorno delle mestruazioni vi possono essere ancora lievi perdite di colore rosato o marrone scuro. Durante il periodo di degenza le ostetriche eseguono delle irrigazioni vaginali con una sostanza iodata diluita in soluzione fisiologica, ma non tutti gli ospedali seguono questa prassi. Questo serve per facilitare la fuoriuscita delle perdite che vengono dall’utero e prevenire così un ristagno delle stesse, fattore che potrebbe facilitare l’insorgenza di infezioni vaginali o dell’endometrio. Esternamente si eseguono lavande a base di steridrolo, amuchina o euclorina, tutte sostanze che hanno un blando effetto disinfettante. Giornalmente si fa anche un controllo dell’eventuale episiotomia o della ferita addominale in caso di cesareo.

Per evitare complicazioni infettive, visto che il canale cervicale è ancora un po' dilatato, durante il primo mese è preferibile non usare assorbenti interni e cambiare spesso quello esterno. Non è necessario usare lavande interne, mentre si può impiegare un detergente delicato per uso esterno, a pH acido. Per i primi 15 giorni è meglio fare la doccia piuttosto che il bagno.
Solo quando si instaurano vere e proprie infezioni il ginecologo metterà in atto idonee terapie antibiotiche che sono diverse a seconda dell’ organo interessato (endometrio, vagina e/o genitali esterni), e del germe responsabile. Ovviamente terrà conto del fatto che la donna sta allattando il bambino al seno. La vulva e il perineo riprendono abbastanza rapidamente l'aspetto normale. Tuttavia se è stata eseguita l’episiotomia, la ferita - nonostante sia ben cicatrizzata - può continuare a dare fastidio per qualche mese. Ciò è del tutto normale ma, per avvertire meno fastidio, si possono usare sostanze cicatrizzanti (a base di fitostimoline o mercuro cromo, a seconda dei casi), mentre gli oli o le creme lubrificanti servono per attenuare l'attrito durante i rapporti sessuali.

Bisogna poi tenere conto del fatto che durante il parto il muscolo più importante del perineo (che si chiama elevatore dell'ano) viene notevolmente stirato e, a volte, rimane molto rilassato. Questo può causare un abbassamento dell'utero, che con il tempo potrebbe trasformarsi in un vero e proprio prolasso, a volte associato a incontinenza urinaria o alla difficoltà a trattenere l'urina. Per ovviare a questi problemi attualmente, già nei corsi di preparazione al parto, vengono insegnati semplici esercizi per tonificare la muscolatura perineale. Vanno eseguiti sia prima che dopo il parto, almeno per un mese.

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI