imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
madre...madre natura...madre terra »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
Le fasi
  • La maggior parte dei bambini inizia a camminare fra i 12 / 14 mesi.

  • La deambulazione è preceduta solitamente dal gattonamento o da spostamenti a terra con varie modalità (da seduto, strisciando, a orso, in ginocchio ecc.) e da spostamenti in piedi tenendosi a vari sostegni: persone, mobili bassi, sedie.

  • Il gattonamento va considerato come una vera e propria tappa nello sviluppo del bambino, una fase preparatoria che gli permette di acquisire sicurezza e abilità, di prendere “le misure” e consapevolezza delle distanze, delle profondità e di sperimentare in sicurezza da terra, ostacoli e pericoli.

  • Il bambino che arriva alla deambulazione dopo il gattonamento ha una camminata più sicura, cade di meno, si mette meno nei pericoli e riesce a risolvere da solo piccole difficoltà che incontra sul “suo cammino”.

  • Capita che alcuni bambini non gattonino o non sperimentino nessun tipo di spostamento a terra, non importa, cammineranno ugualmente bene con i loro tempi. Importante è che ogni bimbo abbia avuto la possibilità di stare a terra e imparare a spostarsi, che sia stato messo, dai suoi adulti di riferimento, nelle condizioni per farlo.

    Per tutto lo sviluppo senso/motorio che caratterizza i primi anni di vita del bambino va sollecitata e accompagnata la spinta naturale all’autonomia, motore primario della crescita e della vita stessa nella sua essenza principale.

  • Il bambino non andrebbe mai messo in posizioni/posture che non sa attivare e mantenere da solo e quindi anche per lo stare in piedi e per la deambulazione è importante che faccia le sue sperimentazioni e le sue conquiste da solo con le sue possibilità e i suoi tempi, noi adulti abbiamo il compito di stargli vicino, di incoraggiarlo, di gratificare i suoi sforzi ma non di sostituirci.

  • È bene evitare ad esempio, se il bimbo non lo fa anche da solo di sorreggerlo in piedi e per i primi passi, tenendolo per le mani: è probabile che senza di noi lui si senta incapace e che richieda così continuamente il nostro intervento costringendoci a un periodo più o meno lungo di camminate a schiena piegata, avanti e indietro per accompagnare il “pargolo” nelle sue escursioni.

  • Oltre alla nostra fatica ciò che più conta è che il bimbo sperimenti un’autonomia motoria che dovrebbe avere anche un significato psico/affettivo di distacco e riavvicinamento dall’adulto di riferimento senza “staccarsi”. Sul piano prettamente fisico poi, questa modalità ritarda la deambulazione autonoma e rende il bimbo meno sicuro e più dipendente.

  • Una volta conquistata la deambulazione autonoma il bambino sperimenterà questa sua capacità appena acquisita continuando a camminare avanti e indietro, diventando sempre più capace e sicuro. Apparirà quasi impossibilitato a fermarsi e a concentrarsi su un gioco come sapeva fare magari fino a poco tempo prima, in realtà sarà attratto e interessato dal materiale da gioco che incontrerà sul suo cammino e che manipolerà e utilizzerà nelle brevi soste fra uno spostamento e l’altro e che magari porterà con se da un capo all’altro del suo percorso.

  • Sarà interessato anche ad oggetti da spingere: sedie, carrettini e quando sarà un po’ più abile e in equilibrio utilizzerà giochi da trascinare.

  • Importanti diventeranno anche oggetti voluminosi ma leggeri (cuscini, cesti, scatoloni) che il bimbo solleverà e porterà in giro sentendosi “forte e potente” e sviluppando la sua capacità di mantenersi in equilibrio.

 
Testo a cura di
Lidia Magistrati
Educatrice e psicomotricista della Casa di Maternità “La Via Lattea” di Milano
http://www.casamaternita.it/