imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
C'è una musica nel nostro cervello... »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

15 giugno 2010

Prof.ssa Silvia Vegetti Finzi
Psicologa clinica e scrittrice, membro del Consiglio Superiore di Sanità.

 

 

Quali sono i segreti per aiutare il bambino a sviluppare un rapporto equilibrato e sereno con il cibo?

Non è importante solo educare attraverso delle regole, ma anche curare il “mondo psicologico e relazionale” in cui avviene l’alimentazione. Per esempio, se portate il bambino con voi a fare la spesa, coinvolgetelo negli acquisti per farlo sentire responsabile di quello che potrà mangiare in settimana. Insegnategli la lettura delle etichette: per i più grandicelli, sarà un gioco sperimentare la loro capacità nello scovare le etichette dei prodotti migliori.
Costruite un’atmosfera serena e gratificante nei momenti dei pasti: la tavola non deve essere un terreno di scontro o di controllo, ma di scambio affettuoso per tutta la famiglia.
Non si dovrebbe mai usare il cibo per far smettere un capriccio: questo impedisce al bambino di scoprire altri modi per calmarsi e, inoltre, un cibo mangiato come consolazione viene ingurgitato senza essere assaporato!
Abituate il bambino a sentire la sensazione della fame (è “fame” quando la pancia brontola, quando proprio non si riesce a fare altro perché il pensiero è rivolto al cibo, nonostante la presenza di distrazioni). Si eviterà che il bambino utilizzi in futuro in modo inadeguato il cibo come nutrimento dell’anima!
I genitori devono dal canto loro imparare a non scambiare tutte le richieste dei figli per fame. Hanno bisogno di coccole, gioco, parole o… di stare da soli: non riempiamoli di cibo ogni volta che sembrano chiederci qualcosa. Infine, fate partecipare appena possibile i bambini alla preparazione dei pasti e alla scelta dei cibi: per esempio durante i week-end prendetevi il tempo perché il pasto sia sempre un momento di aggregazione, dialogo e gioco, facendo sempre attenzione che non sia l’unico momento di condivisione e di gioco.

 

 

 

È giusto proibire determinati cibi?

In realtà non ci dovrebbero essere cibi proibiti: se un alimento facilmente reperibile diventa proibito, il rischio è quello di renderlo ancor più desiderabile e mentalmente appetibile. Piuttosto, meglio concessioni programmate (inserite cioè nel piano alimentare settimanale): questo serve anche a far capire al bambino che i suoi gusti sono legittimi, ma che alcuni di questi potrebbero creare dei problemi a lungo andare, se non ben gestiti! Infatti, se è vero che i gusti vanno coltivati, alcuni vanno certamente incentivati, altri no
Le occasioni speciali ci sono ed è giusto goderne: se si segue un’alimentazione corretta quotidianamente, per sé e per i propri figli, c’è spazio anche per le occasioni particolari. Basta spiegare con serenità e fermezza che non tutti i cibi si possono mangiare ogni giorno perché se consumati abitualmente possono far male a tutti, grandi e piccoli. Anche questo è parte dell’educazione famigliare, che è una “dolce ricetta” che mescola flessibilità, rispetto dell’autonomia del bambino, ma anche guida responsabile a una crescita fisica, psicologica e relazionale.

 

 

 

Che fare se vuole mangiare sempre le stesse cose?

Non scoraggiatevi presto: stimolare nuove abitudini è un processo lento che a volte richiede mesi, sia nell’adulto che nel bambino, e questo vale anche per le abitudini alimentari. Spesso i bambini di fronte a nuove proposte (per esempio la frutta e la verdura) sono riottosi.
Ai primi rifiuti i genitori non dovrebbero rinunciare. Mostratevi fermi e sereni nel riproporre alcuni alimenti, soprattutto nei pasti principali, anche perché i gusti possono cambiare nel tempo facendo nuove esperienze, e quindi bisogna assaggiare il più possibile. No all’insistenza, sì alla riproposta serena!

 

 

a cura di Roberta Camisasca
15 giugno 2010

 

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI