imiobabyTV
torna al sondaggio

Gli altri speciali

L'utilità della consulenza genetica
video D.ssa Pierangela Castorina

Video-intervista alla
D.ssa Pierangela Castorina

Medico Genetista, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli, Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Giocare coi sogni, nutrire il desiderio, costruire progetti, coltivare speranza »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
Passeggiate sicure: le regole d'oro

La primavera è ormai alle porte. Accantonati tutoni e cappottini, è arrivato finalmente il momento di alleggerirsi e godersi un po’ di aria fresca. In realtà, non è necessario aspettare l’arrivo delle belle giornate per dare al vostro piccolo la possibilità di prendersi una boccata d’aria: il neonato può uscire con qualsiasi temperatura e a qualsiasi condizione meteorologica, a patto che sia adeguatamente vestito. Anzi, se i piccoli si abituano a uscire con qualsiasi tempo, è probabile che in futuro reagiscano meglio alle variazioni climatiche. Sole, pioggia, neve o nebbia non sono ostacoli alle passeggiate quotidiane, quando soffia un forte vento, invece, è meglio evitare di uscire: la polvere sollevata, infatti, può provocare irritazioni al bambino e facilitare il diffondersi di infezioni di vario genere.

Per fare bene alla mamma e al bambino, la passeggiata deve essere intesa come un momento rilassante e piacevole, non come un obbligo; non è neppure necessario rispettare tempi precisi, se non quelli dettati dal buon senso: per esempio è naturale scegliere le prime ore del mattino o il tardo pomeriggio nella stagione calda, al contrario le ore centrali della giornata nella stagione fredda.

La passeggiata procura al bambino indiscutibili vantaggi fisici, come una stimolazione dell’appetito e un maggior rilassamento (molti bambini dormono più volentieri durante la passeggiata che a casa), ma anche una grande quantità di nuovi stimoli dovuti a forme, colori, rumori e persone.
Per quanto riguarda la mamma, specialmente nel periodo dopo il parto uscire tutti i giorni può esserle di grande giovamento, sia dal punto di vista fisico che emotivo: le permette di riprendere i rapporti sociali, sbrigare le commissioni, distrarsi dagli impegni della giornata nonché di ritornare in forma, bruciando calorie, migliorando il tono muscolare e favorendo la circolazione sanguigna. Anche l’umore ne risente positivamente.

Ma perché il rito delle passeggiate esplichi appieno i suoi benefici sul bebé, è fondamentale scegliere l’abbigliamento adatto. È un errore credere che un bambino “imbacuccato” sia protetto da raffreddamento o che incorra meno facilmente in infezioni virali. In estate, inoltre, tutine, body pannolino scaldano molto, perciò usate vestitini o camicini larghi, possibilmente di cotone o lino (i materiali sintetici possono provocare allergie), legati solo al collo: i bambini soffrono molto il caldo. Gli indumenti dovranno essere semplici, morbidi e, preferibilmente, di fibre naturali: cotone, lino, canapa, seta, lana.
Quando dalla primavera si passerà all’estate, prima di uscire applicate un velo di crema solare con filtro protettivo su braccia e gambe del piccolo (le scottature non si prendono solo al mare!) e non dimenticate di portare con voi un cappellino leggero, per proteggere la sua testa dal sole, e un biberon d’acqua fresca, per dissetarlo e reidratarlo durante la passeggiata. 

Una controindicazione alle passeggiate “cittadine”? Senza dubbio l’inquinamento atmosferico e ambientale. Per arginare questo problema evitate di passeggiare in zone altamente trafficate e con un alto tasso di inquinamento. Scegliete percorsi lontani dal traffico e non affollati: i bambini sono i più esposti ai danni provocati dall’inquinamento ambientale. Non sostate con la carrozzina o il passeggino sul marciapiede in prossimità di un semaforo, dove l’inquinamento da gas di scarico è più elevato.

Per ragioni di sicurezza, quando si attraversa la strada con un passeggino o una carrozzina, è bene che l’adulto scenda per primo dal marciapiede, e solo dopo faccia scendere il mezzo su cui è trasportato il bambino.

 

A cura di Roberta Camisasca

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI